Google, previsioni del tempo quasi simultanee grazie all’IA

Google sta lavorando per rivoluzionare il mondo della meteorologia, affidandosi all’Intelligenza Artificiale per permettere previsioni del tempo “quasi istantanee”, come si legge in un post che annuncia la novità. Si tratta al momento di un lavoro di ricerca, non approvato dalla comunità ma consultabile sul portale arXiv, che Mountain View sta portando avanti ottenendo dei primi risultati promettenti. Secondo quanto descritto dai ricercatori, i modelli basati sul machine learning hanno già permesso di generare previsioni accurate sulle precipitazioni fino a sei ore in pochi minuti di calcolo.

Google, previsioni adatte al cambiamento climatico

Al momento i modelli per le previsioni meteorologiche di Google superano già quelli tradizionali per il tempo impiegato per la formulazione, che oggi è di diverse ore. Attualmente però le previsioni riescono a coprire periodi di tempo più lunghi, un fronte sul quale l’Intelligenza Artificiale deve ancora compiere dei progressi. Google però è fiduciosa visti i primi risultati e crede fermamente che la nuova tecnologia, al momento non ancora integrata in alcun sistema commerciale, “sarà uno strumento essenziale per adattarsi in modo efficiente al cambiamento climatico, specialmente per i fenomeni meteorologici estremi”, come riporta The Verge. Proprio per quest’ultimo tipo di eventi, che possono evolvere di ora in ora, il sistema di previsioni messo a punto da Google potrebbe essere particolarmente prezioso.

Un meteo più rapido grazie all’Intelligenza Artificiale

Le previsioni del tempo di Google basate sul machine-learning presentano un’ulteriore particolarità essendo “altamente localizzate”: ciò significa che i dati ottenuti possono riguardare zone estremamente circoscritte, con una risoluzione spaziale di un chilometro. L’aspetto principale dei nuovi modelli rimane però quello della rapidità, visto che il meteo proposto da Google risulterebbe “particolarmente utile per le decisioni immediate, dalla scelta di un itinerario da percorrere in auto alla logistica delle operazioni di evacuazione”, spiegano gli autori. Questo permetterebbe di superare lo scoglio maggiore delle previsioni attuali, che visti i tempi richiesti dai computer per formulare i calcoli portano a risultati basati su dati già vecchi di diverse ore, un problema che potrebbe accentuarsi con il cambiamento climatico, che porta a fenomeni sempre più rapidi e imprevedibili. Il modello sperimentale di Google offre una soluzione che, tuttavia, necessita di ulteriore lavoro per poter essere utilizzata in maniera capillare e al di fuori dell’ambito accademico. 

Fonte : Sky Tg24