La Marvel non c’entra nella scelta di Chris Pratt e Tom Holland come doppiatori di Onward

Qualche giorno fa il produttore dell’atteso Onward della Pixar, Kori Rae, aveva rivelato ai microfoni di Digital Spy come il casting di Chris Pratt e Tom Holland come doppiatori del film d’animazione sia stato fortuito, e ora parlando invece con CinemaBlend il regista Dan Scanlon è andato più a fondo nel processo che ha portato a questa scelta.

Discutendo innanzitutto della genesi di Onward, Scanlon ha dunque avuto modo di parlare dei due protagonisti e delle doti vocali che cercavano nei tanti attori valutati per le parti, spiegando che l’influsso dei cinecomic Marvel e del rapporto d’amicizia nato tra Holland e Pratt sul set di Avengers: Infinity War non ha in alcun modo influito nelle loro decisione.

Dice il regista: “Tutti hanno cominciato a dire che erano Spider-Man e Star-Lord ma abbiamo deciso di non dargli troppo peso. Molto semplicemente, Chris ha incarnato la parte caotica e selvaggia di Barley e anche un certo fascino che gli permette di cavarsela in modo anche un po’ fastidioso, come poi deve a volte essere. E incanala in sé quelle qualità tipiche di un fratello maggiore. Ovviamente aiuta molto il fatto che si conoscano e che Chris sia un po’ un fratello maggiore per Tom nel loro rapporto. Penso abbia aiutato molto“.

Al che il produttore Koi Rae è intervenuto per spiegare le qualità di Holland che gli hanno fatto ottenere il ruolo di Ian: “Aveva la giusta quantità di nervosismo e timidezza, eppure è un attore così bravo da riuscire a interpretare magnificamente anche le sequenze più emotive. Avevamo bisogno di attori che sapessero entrambi come comportarsi nella commedia, ma sapevamo anche ci sarebbe stata molta emozione e tante scene emotive nel film“.

Onward è atteso nelle sale italiane il prossimo 6 marzo 2020.

Fonte : Everyeye