Latte materno per neonati, donazioni raddoppiate al Bambin Gesù

Rispetto al 2018, l’anno appena concluso ha registrato un record particolare. All’ospedale Bambin Gesù di Roma sono raddoppiate le donazioni di latte materno con oltre 750 litri destinate ai piccoli pazienti bisognosi dell’ospedale pediatrico della Santa Sede. Sono state in tutto 133 mamme le mamme romane e del Lazio in generale ad aver donato il latte, la cui raccolta è stata potenziata anche grazie ad un servizio a domicilio con un’auto dedicata.

Numeri raddoppiati

I dati, come riporta anche il sito dell’ospedale romano, sono più che raddoppiati rispetto ad un anno prima, quando la Banca del Latte Umano Donato (BLUD) aveva raccolto, pastorizzato e distribuito ai bambini malati 362 litri di latte ricevuto da 43 neomamme. La maggior parte del latte materno raccolto, dicono dal Bambin Gesù, è stata messa a disposizione di 229 neonati che necessitavano di particolari esigenze terapeutiche, tutti ricoverati nel polo pediatrico della Capitale. Circa 200 litri invece (un quarto del totale) sono stati invece consegnati ad altri reparti di terapia intensiva neonatale della Regione.

Chi può donare

“Possono donare tutte le madri in buona salute, che seguono un corretto stile di vita e hanno una quantità di latte superiore alle esigenze del proprio figlio dalle prime settimane di vita fino ad un anno di età”, ha raccontato Guglielmo Salvatori, responsabile di Educazione nutrizionale neonatale e della Banca del Latte. “Donare il latte è un gesto prezioso per tanti bambini malati. Non costa nulla, non è doloroso ed è molto semplice”, ha concluso l’espello, estendendo l’appello.

L’iniziativa in Italia

L’iniziativa è in vigore non solo nel Lazio. L’attività di raccolta, lavorazione e distribuzione del latte materno, infatti, è gestita dalle Banche del latte umano donato (BLUD) presenti nelle varie regioni italiane, soprattutto nel Centro-Nord. Nella regione laziale però quella del Bambin Gesù è l’unica attiva e di riferimento per le mamme che desiderano diventare donatrici. All’interno della struttura viene selezionato, raccolto, pastorizzato e conservato il latte materno, che viene poi destinato ai bambini con particolari necessità mediche, per cui è impossibile essere alimentati con il latte della propria mamma. Si tratta, scrivono gli esperti, di un vero e proprio alimento salvavita, specie per i neonati pretermine o sottoposti a interventi chirurgici all’addome, ad alcuni cardiopatici, ai nefropatici o ai piccoli pazienti con gravi allergie alimentari. Chi volesse saperne di più può cliccare sul sito ufficiale dell’Associazione, oppure per quanto riguarda Roma, contattare il numero 06 6859 2948 oppure l’indirizzo mail bancadellatte@opbg.net.  

Oms: “Allattare al seno salverebbe 80...

Oms: “Allattare al seno salverebbe 80...


Fonte : Sky Tg24