L’attore Nikolaj Coster-Waldau racconta i segreti di Jaime Lannister

Se hai amato la serie Hbo Game of Thrones, hai apprezzato anche l’attore danese che interpretava il fratello della temibile Cersei Lannister. In questo video ti racconta alcune cose sul suo personaggio (e anche sulla sua vita privata)

In Danimarca ci sarà pure del marcio, come si suol dire, ma ci sono anche dei veri e propri tesori nazionali: è il caso di Nikolaj Coster-Waldau. L’attore danese vive ancora nel paese scandinavo, ma il suo nome si è imposto anche a Hollywood, dove ha lavorato tra gli altri con Ridley Scott e Brian De Palma. La sua fama globale è legata al personaggio di Jaime Lannister in Games of Thrones, la serie che in otto stagioni racconta la storia di diverse famiglie nobili che se le danno di santa ragione per conquistare un trono, tra battaglie, stupri, incesti, draghi e altre amenità.

In questo video, Coster-Waldau si racconta rispondendo alle domande degli utenti di Google, ovvero migliaia (se non milioni) di persone che usano l’onnipotente motore di ricerca per chiarire i propri dubbi su attori e celebrità varie. Molti vogliono sapere se è sposato (sì, con la signora Nukaaka) e quanto pesa (93 chili, ma perché vi interessa?) ma anche quanto lingue parla. E dunque: Coster-Waldau parla inglese, danese ma se la cava anche con lo svedese, il tedesco e un po’ di francese.

L’attore sapeva cavalcare già prima di Got: ha lavorato sul set di Le crociate di Ridley Scott, ma ammette che quando ha accettato il ruolo non sapeva farlo – pur avendo dichiarato il contrario.

Naturalmente sono tante le domande anche sul personaggio di Jaime Lannister. L’attore danese ammette che è impossibile, in prima battuta, farsi piacere uno che fa sesso con sua sorella e tenta di togliere di mezzo un bambino (Bran Stark), ma poi il personaggio subisce comunque un’evoluzione, no?Coster-Waldau regala anche qualche aneddoto dal set (e molti prenoteranno un viaggio a Cáceres, dopo questo video). Tuttavia, ammette di non aver mai letto i libri: una consolazione per chi ha visto la serie ma non ha avuto il coraggio di affrontare i tomi.

Fonte : Wired