Lautaro-Toloi, contatto da rigore in Inter Atalanta

A fine primo tempo, con l’Inter in vantaggio per 1 a 0, l’Atalanta reclama un rigore per un contatto tra Lautaro Martinez e Toloi. L’analisi dell’episodio e le immagini

Nonostante la coppia di primissima scelta Rocchi-Irrati a San Siro la gara si chiude con una grossa ombra. Fa discutere infatti l’episodio del rigore chiesto dall’Atalanta alla fine del primo tempo, sull’1-0 per l’Inter. Tutto nasce da un calcio di punizione per l’Atalanta: sul pallone a centro area arriva per primo Toloi che va di testa saltando più alto di Lautaro, suo marcatore. Sulla schiacciata del difensore brasiliano Handanovic respinge arrangiandosi un può e il pallone rimane a pochi passi da lui: ancora Toloi ci si avventa senza però riuscire a colpirlo bene verso la porta. Si accende una mezza mischia alla fine della quale la difesa dell’Inter si salva in calcio d’angolo. Rocchi indica la bandierina e attende il verdetto dal Var Irrati, mentre l’Atalanta protesta. In un primo momento si pensa a una spinta, in realtà poi dal replay, zoomando l’immagine, si vede spuntare la mano destra di Lautaro intorno alla gamba destra di Toloi: impossibile stabilire l’entità della trattenuta (che, se punita col rigore, avrebbe comportato anche il cartellino rosso, dal momento che la decurtazione a giallo è prevista solo per i falli “onesti”) ma sembra evidente che a causa del contatto Toloi si sbilancia e calcia male. Considerato che il controllo Var è stato piuttosto rapido, la sensazione è che Irrati possa aver visto Lautaro cadere involontariamente su Toloi e conseguentemente giudicato il mancato rigore non un “chiaro errore”, come recita il protocollo, senza cogliere nel dettaglio il movimento del braccio dell’interista. Alla fine poi il rigore per l’Atalanta arriva e nonostante le proteste degli interisti la scelta di Rocchi non sembra sbagliata, anche se il fallo non è nettissimo: Gosens serve con un pallone spiovente Malinovski che arriva prima di Bastoni, è ingenuo il difensore interista che non si ferma in tempo e finisce per tamponare l’avversario. Non una spinta clamorosa ma ci sta considerare “negligente”, come recita il regolamento, l’intervento. Dal dischetto però per la prima volta in carriera Muriel fallisce facendosi respingere il tiro dallo specialista Handanovic. 

Fonte : Sky Sport