Liliana Segre non andrà al convegno della Lega: “Antisemitismo non disgiunto dal razzismo”

Liliana Segre non sarà presente al convegno “Le nuove forme dell’antisemitismo” che si svolgerà il 16 gennaio a Roma: a firmare l’invito alla senatrice a vita era stato il segretario della Lega Matteo Salvini, lei ringraziando ha fatto sapere che non potrà essere presente perché impegnatissima tutto il mese a Milano con le iniziative per il Giorno della Memoria. Nella sua risposta a Salvini, Segre dice di apprezzare “l’iniziativa sull’antisemitismo, un problema che si riaffaccia virulento nelle cronache del nostro tempo in tanti Paesi d’Europa e del mondo intero”, ma allo stesso tempo avverte che è un tema che non va separato da quello del razzismo.

La lettera di Liliana Segre inviata a Matteo Salvini – “Ritengo – scrive la senatrice a vita – che non si debba mai disgiungere la lotta all’antisemitismo dalla più generale ripulsa del razzismo e del pregiudizio che cataloga le persone in base alle origini, alle caratteristiche fisiche, sessuali, culturali o religiose”. “Questa visione mi pare tanto più necessaria in questa fase storica, in cui le condizioni di disagio sociale spingono tanti ad indirizzare la propria rabbia verso un capro espiatorio, scambiando la diversità per minaccia“, prosegue Liliana Segre nella sua risposta a Salvini. E ancora, scrive la senatrice testimone dell’Olocausto: “Confido che il vostro convegno potrà dare un contributo in questo senso e anche nella Commissione contro lo hate speech deliberata dal Senato”.

La replica di Matteo Salvini – Non si è fatta attendere la risposta del leader della Lega Salvini: “La capisco, la ringrazio per la risposta. Sarà una bellissima giornata in cui lanceremo dentro e fuori il parlamento una grande campagna in difesa di Israele perché nel 2020 gli antisemiti, quelli che odiano Israele, non possono essere compresi nel contesto civile, quindi i nemici di Israele sono miei nemici”.

Fonte : Fanpage