Reggio Emilia, prende a bastonate la moglie al sesto mese di gravidanza: la picchiava da 6 anni

L’ha maltrattata per anni. L’ha picchiata anche davanti ai figli. E non ha mai smesso, neanche quando la donna era incinta di sei mesi. L’uomo, un operaio di 30 anni, è stato denunciato alla procura dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti continui e aggravati. Un’accusa aggravata, appunto, perché gli episodi di violenza sono avvenuti davanti agli occhi dei figli della coppia, minorenni. I fatti sono avvenuti a Cadelbosco di Sopra, in provincia di Reggio Emilia. L’uomo è stato denunciato dopo i maltrattamenti alla donna ripetuti nel tempo e anche quando lei era in gravidanza.

L’ultimo episodio di violenza da parte dell’uomo nei confronti della coniuge risale alla mattina del giorno di Natale. Lui, dopo una lite che sarebbe scaturita per motivi futili, ha preso a calci e a pugni la donna. Non solo, perché ha addirittura preso a bastonate la coniuge di soli 25 anni. La giovane era, inoltre, al sesto mese di gravidanza quando ha subito quest’ultimo episodio di violenza. Dopo le bastonate e le botte l’uomo è uscito di casa con i due figli, mentre la donna è stata soccorsa da una vicina di casa.

La 25enne è stata portata dalla vicina in ospedale, dove è stata ricoverata a causa della gravidanza a rischio. Dell’episodio sono stati informati i carabinieri, che hanno iniziato la ricerca del marito della donna: l’uomo è stato rintracciato nella serata. Sulla base di quanto emerso dalle indagini finora, l’uomo avrebbe perpetrato le vessazioni e le aggressioni per ben sei anni. Fino all’ultimo episodio, con tante di bastonate alla donna incinta, che ha portato al ricovero della giovane e alla denuncia dell’uomo. Ora la donna è stata affidata a una struttura protetta insieme ai due minori.

Fonte : Fanpage