I Delitti del Barlume i libri di Malvaldi sugli episodi 2020

(@BassoFabrizio)

Un mondo fatto di storie che raccontano tante storie. Perché la cosmogonia di Pineta creata da Marco Malvaldi è un percorso nella letteratura stratificata. L’ambientazione gialla, un po’ noir, è la chiave che ci introduce in una galleria di figure umane che ricordano molto la concenzione della vita di Luigi Pirandello: il mondo è un infinito teatro dove ognuno occupa e svolge il ruolo che un ordine superiore gli ha affidato. Ora provate a immaginarvi i Bimbi in un’altra dimensione: è molto difficile perché la loro ironia, la loro irriverente curiosità, il loro fiuto per la soluzione dei crimini potrebbe ricollocarsi in poche altre realtà. E nessuna contemporanea. Le due nuove storie de I Delitti del BarLume intitolate Donne con le palle e Ritorno a Pineta in onda il 13 e 20 gennaio 2020 alle 21.15 (disponibili anche su On Demand e in streaming su NOW TV): la prima nasce dall’omonimo racconto dello scrittore di Pisa (tutti pubblicati da Sellerio) il secondo dal mondo del BarLume.

Tra i protagonisti delle due nuove storie c’è Stefano Fresi, il Beppe: quando questa figura è nata Marco Malvaldi cercava un personaggio con l’attitudine alla vita di un monaco zen. ovvero qualunque cosa fosse accaduta intorno a lui, la sua reazione era sempre la medesima: fa un passetto più in là e si sposta, anche solo di un centimentro. Il personaggio è entrato nei libri sul BarLume. Fin dagli inizi ha avuto le idee chiare e queste due nuove storie rafforzano la sua convinzione su cosa porta la gente ad amare I Delitti del BarLume: il giusto mix di ironia e indagine perché il BarLume funziona come una cena tra amici dove c’è chi porta il dolce, chi il vino, chi l’antipasto e in virtù di questi ruoli l’organizzazione risulta perfetta. Dopo avere rivisto Donne con le palle e Ritorno a Pineta un’altra idea si rafforza in lui ed è che in questo genere di storie piace per il fatto che tutto cambia perché nulla cambi. E’ come la vita. Un nonnulla può diventare una rivoluzione. E il 13 e il 20 gennaio vedrete quanti nonnulla rivoluzionari usciranno dal vostro schermo tivù!

Fonte : Sky Tg24