Dopo Endgame e gli Skywalker: sarà Avatar 2 il prossimo kolossal al cinema?

Dal gran finale della prima macro-fase del Marvel Cinematic Universe all’ultimo capitolo della Saga degli Skywalker, il 2019 è stato l’anno degli epiloghi. Sebbene i rispettivi franchise siano destinati a proseguire ancora per molti anni, Avengers: Endgame e Star Wars: L’Ascesa di Skywalker hanno rappresentato, per motivi diversi e con risultati quasi opposti, la fine di un’era per diverse generazioni di spettatori. Il primo portando a termine un percorso di 21 film interconnessi che ha ridefinito l’idea di serialità cinematografica, il secondo chiudendo un arco narrativo iniziato più di quarant’anni fa con il film che ha consacrato il concetto di blockbuster.
A questi bisogna poi aggiungere, seppur in misura ridotta, il capitolo finale della saga dei mutanti Marvel targata Fox, X-Men: Dark Phoenix, e sul fronte televisivo l’ultima stagione di Game of Thrones, entrambi passati un po’ sottotraccia per via di un pessimo responso da parte di pubblico e critica (di tutti i titoli citati, in effetti, l’unico ad aver raggiunto il successo desiderato è stato il film dei Fratelli Russo).

Conclusa quest’annata di epici e attesi finali che ha sancito Avengers: Endgame come il nuovo re del box office, dunque, è tempo di concentrarci sul prossimo vero grande evento in grado di scuotere ancora una volta la classifica all-time degli incassi: il ritorno di James Cameron.

L’ennesimo successo?

È vero, l’anno appena trascorso ha riservato solo cattive notizie per i film prodotti dal regista di The Abyss. Con 666 milioni di dollari incassati in due, Alita – Angelo della Battaglia e Terminator: Destino Oscuro hanno firmato un doppio flop al botteghino che – a meno di sorprese – significherà lo stop (almeno momentaneo) di entrambi i franchise, ma non è del Cameron produttore che stiamo parlando, come avrete capito. Nel dicembre del 2021, 12 anni dopo il mostruoso record di incassi firmato da Avatar (gli stessi che nel 2009 erano trascorsi dal suo altro record, quello di Titanic), il cineasta di kolossal per eccellenza porterà infatti nelle sale il primo passo di quello che potremmo definire il suo progetto più ambizioso. Quattro nuovi film ambientati su Pandora girati uno dietro l’altro e in arrivo (si spera) ad anni alterni nel 2021, 2023, 2025 e 2027.
Se da un lato è vero che il panorama cinematografico in questi ultimi anni è cambiato radicalmente – basti vedere che nella top 10 del botteghino del 2009 non era presente neanche un cinecomic, “genere” che ora domina le classifiche dei film più attesi – dall’altro è impossibile non considerare la sequela di successi inanellati da Cameron nel corso della sua carriera: da Terminator a Terminator 2, passando per Aliens – Scontro finale e True Lies, arrivando infine alle due pellicole che lo hanno consacrato come Re Mida del box office. Anche senza la spinta dell’allora innovativo 3D, Avatar 2 rimane l’unico film in grado di impensierire la vetta del botteghino globale nel prossimo futuro, e uno dei motivi è da riscontrare nella crescita esponenziale del mercato cinese dove, potendo contare solo sul 10% delle sale in cui è stato proiettato Avengers: Endgame, il primo capitolo aveva incassato ben 202 milioni.

Per avere un’idea più chiara sulle aspettative della Disney, che ricordiamo essere diventata la proprietaria del franchise con l’acquisizione della 20th Century Fox, ci sarà comunque da attendere ancora diverso tempo, anche perché finora Avatar 2 si è mostrato solamente con gli (spendidi) concept art usciti di recente.

Attesi sì, ma fino a un certo punto

Senz’altro, da qui al dicembre del 2021 saranno molte le pellicole ad avere le carte in regola per portare in sala un grande numero di spettatori, anche se facciamo fatica a individuare un vero e proprio evento capace di smuovere masse di spettatori. Come vi abbiamo anticipato nel nostro speciale sui film più attesi del 2020, il prossimo anno usciranno blockbuster come il Dune di Dennis Villeneuve, Godzilla vs Kong e gli ormai immancabili cinecomic targati Marvel (Black Widow, Gli Eterni) e DC (Birds of Prey, Wonder Woman), mentre nel 2021 sarà il turno, tra gli altri, di The Batman, Animali Fantastici 3, Doctor Strange 2, Thor: Love and Thunder, Spider-Man 3 e Jurassic World 3. Tutti film dall’indiscusso potenziale ma che difficilmente potranno puntare al traguardo dei 2 miliardi di dollari, club finora riservato a Cameron, J.J. Abrams e ai fratelli Russo.
Come insegnano gli straordinari risultati ottenuti da Joker (diventato il cinecomic più redditizio di tutti i tempi) e Bohemian Rhapsody (903 milioni incassati a fronte di un budget di soli 55 milioni), però, nessun film è da sottovalutare in ottica box office: secondo voi quali potrebbero essere le grandi sorprese dei prossimi anni? Fateci sapere la vostra, come sempre, nell’area dedicata ai commenti.

Fonte : Everyeye