David Bowie: la sua vita diventa un fumetto. E arriva un nuovo disco

A quattro anni esatti dalla scomparsa, l’affascinante storia del Duca Bianco ispira una graphic novel. E arriva anche Is It Any Wonder?, un EP di sei tracce rare ed inedite, pubblicate nel corso di altrettante settimane

10 gennaio 2016. Starman, l’uomo delle stelle, David Bowie, ci lasciava. Con ogni probabilità, lasciava solo questo mondo, dove era stato temporaneamente, per tornare da dove era venuto, dallo spazio, da qualche posto molto lontano. Per diventare di quella stessa materia di cui sono fatti i sogni. Oggi, 10 gennaio 2020, a quattro anni dalla sua scomparsa, l’affascinante storia del Duca Bianco diventa una graphic novel, Bowie – Stardust, Rayguns & Moonage Daydreams, di Michael e Laura Allred, con la sceneggiatura di Steve Horton, edita da Panini Comics.

Stardust, Rayguns & Moonage Daydreams, la graphic novel su David Bowie

In parallelo con Ziggy Stardust

Bowie – Stardust, Rayguns & Moonage Daydreams è la biografia a fumetti definitiva, una forma perfetta per raccontare l’arte e la vita di David Bowie. È perfetta perché lui, da subito, è stato naturalmente immagine, colore, visioni su visioni che sono rimaste impresse nell’immaginario collettivo. E vederle fissate sulle tavole di una graphic novel, ci sembra il modo migliore per celebrarle. Il volume, emozionante e magnificamente illustrato, ripercorre l’esistenza di Bowie dall’anonimato al successo mondiale, parallelamente all’ascesa e alla caduta di Ziggy Stardust, il suo personaggio più noto tra quelli portati in scena, con il quale, agli inizi degli anni ’70, ha confuso arte e realtà. Il volume da collezione esce in un esclusivo case in pvc.

Chi sono Michael e Laura Allred e Steve Horton

Michael Allred è uno dei più rock e visionari tra i fumettisti contemporanei. Le sue opere più note: Madman, Silver Surfer, Red Rocket 7 e iZombie. La moglie di Michael, Laura Allred, come in altre opere, è al suo fianco per colorare le tavole (tanto da vincere il Best Coloring” Eisner Award per il suo lavoro su iZombie e Madman: All-New Giant-Size Super Ginchy Special!). Steve Horton, come sceneggiatore, è stato in forza a grandi case editrici come la DC Comics e la Dark Horse. La prefazione è a cura di qualcuno che di graphic novel e romanzi se ne intende: Neil Gaiman è l’autore del fumetto The Sandman, dei romanzi Stardust e Coraline, divenuti qualche anno fa dei film di successo al cinema, e del romanzo American Gods, oggi una serie tv di culto.

Una tavola della graphic novel su David Bowie

Colore sempre vivo

Proprio i colori, a una prima vista alle tavole, ci sembrano tra i punti di forza del fumetto: sono quelli che associamo a Bowie e al suo personaggio, ma che in qualche modo sono originali e reinterpretati secondo la sensibilità degli artisti. La grafica gioca con gli elementi iconici che hanno caratterizzato la vita artistica di David Bowie, come quella saetta che compariva sul suo volto nella storica copertina di Aladdin Sane, il disco che seguì al successo di The Rise And Fall Of Ziggy Stardust And The Spiders From Mars. Persino la composizione delle tavole è degna di nota: i quadri, per esempio, non vengono usati solo per raccontare la storia, ma anche per dividere il volto di Bowie in quelli che sono i suoi diversi look e le diverse anime.

Una nuova versione di The Man Who Sold The World e un nuovo disco

[ ]

Le sorprese non sono finite qui. In occasione dell’anniversario della nascita di Bowie, Parlophone ha diffuso, solo in streaming, una nuova versione di The Man Who Sold The World. È l’anticipazione di Is It Any Wonder?, un EP di sei tracce rare ed inedite che saranno pubblicate nel corso di altrettante settimane. Altri cinque brani saranno dunque pubblicati settimanalmente dal 17 gennaio in poi. The Man Who Sold The World è tratta da ChangesNowBowie, una sessione di 9 tracce, registrata per la radio e trasmessa dalla BBC il giorno del cinquantesimo compleanno di David l’8 gennaio 1997. È una versione molto particolare: The Man Who Sold The World, title-track dell’album degli anni Settanta, fu “dimenticata” a lungo dall’artista. La versione fatta dai Nirvana per il loro Mtv – Unplugged in New York la riportò alla ribalta, tanto che migliaia di persone, nei ’90, erano convinte che si trattasse di una loro canzone. Bowie la riprese in mano, in una versione elettronica e trip-hop, nel tour di Outside. Ma qui viene ripresentata in una versione acustica. ChangesNowBowie sarà pubblicato in quantità limitata in vinile e cd per il Record Store Day il 18 aprile 2020.

Fonte : Wired