Harry e Meghan e il ciaone alla Royal Family: perché hanno fatto bene

I duchi del Sussex hanno annunciato su Instagram di voler prendere le distanze da Buckingham Palace, una mossa più accorta di quel che sembra, anche se a farne le spese saranno le casse della Regina.

Il principe Harry e Meghan Markle, duchi del Sussex, hanno raggelato Buckingham Palace annunciando, attraverso il proprio profilo Instagram, di voler prendere le distanze dalla Famiglia Reale. “Abbiamo l’intenzione di fare un passo indietro rispetto alle nostre posizioni di membri ‘senior’ della Famiglia Reale e adoperarci per diventare finanziariamente indipendenti” hanno annunciato, adducendo il desiderio di crescere il figlio Archie (anche) in Nord America e addolcendo la pillola con ripetuti riferimenti alla volontà di “continuare a onorare e supportare Sua Maestà la Regina”. Buckingham Palace, accantonando il solito aplomb, ha reagito – lo afferma il corrispondente ufficiale della Bbc Jonny Dymond – con sgomento, sia come reazione naturale a un evento senza precedenti (o quasi, nel 1936 l’erede al trono Edoardo VIII, fratello del padre della Regina Elisabetta II, rinunciò alla corona per sposare la divorziata americana Wallis Simpson, provocando uno terremoto nella famiglia Reale), sia perché la decisione dei duchi auspicabilmente andrà a intaccare le casse della Regina.

Se da una parte la notizia ha spopolato sui tabloid, dall’altra, infatti, ha mobilitato gli esperti dell’Economist, del Financial Times e di altre testate specializzate che si sono prodotte in analisi finanziarie sulle conseguenze, in termini di business, del distaccamento di Harry e Meghan, il cui matrimonio – avvenuto nel maggio 2018 e seguito in tv da due miliardi di persone – aveva fatto guadagnare un miliardo di sterline all’economia britannica. La vendita di merchandise dedicato alla coppia (tazze, piatte e affini) e le linee di abbigliamento nate dalla collaborazione di brand e associazioni di beneficienza di Meghan hanno fornito ulteriori entrate che la coppia adesso rivendica con la volontà di creare un proprio brand. Questo dopo che i due sposini hanno goduto dei vantaggi del lignaggio di lui: le tasse dei britannici hanno pagato i 30 milioni di sterline spesi per le nozze e un altro paio per ristrutturargli casa, mentre tutto il resto delle spese – compresi servizi di sicurezza e uno stile di vita superlussuoso – è stato a carico di papà, il Principe Carlo. Non che Harry e Meghan siamo poveri: lui ha ereditato sette milioni di sterline dalla madre e ha percepito lo stipendio militare (45 mila sterline annue), mentre Meghan con la sua professione di attrice vanta un patrimonio stimato sui 5 milioni.

[ ]

La coppia ha affermato di non voler staccarsi completamente dalla famiglia reale – e quindi continuare a beneficiare anche economicamente del legame? – ma di voler vivere un po’ nel Regno Unito e un po’ in America, e diventare  gradualmente indipendenti a livello economico. Questo, in pratica, vuol dire che ambiscono a fare… tutto quello che gli pare: sfruttare la loro posizione di coppia vip e tenersi i benefici, vivendo negli Usa e dribblando i doveri dell’etichetta reale. Detta così sembra – ed è – proprio che abbiano trovato un modo per “vincere tutto”. La decisione è più ponderata e astuta di quello che può apparire, basti pensare che i due hanno scelto un social come Instagram per diffondere la notizia, un chiaro segno della direzione che vogliono dare alla propria immagine. Grandi amici degli Obama (i quali hanno saputo crearsi un loro brand a cui Meghan e Harry vogliono rifarsi, basta dare un’occhiata alle somiglianze tra il sito degli Obama e quello successivamente sviluppato dai duchi, Sussex Royal) e di Oprah Winfrey, possono tranquillamente ottenere l’indipendenza economica sfruttando la propria immagine, partecipando a programmi televisivi (come gli Obama, per esempio, che hanno un accordo con Netflix) ed eventi, producendo libri e linee di abbigliamento, e naturalmente monetizzando la propria presenza sui social.

(Photo by Aaron Chown – WPA Pool/Getty Images)

Tralasciando le considerazioni più prettamente economiche, per gli anglofili – come si scrive – che seguono avidamente le vicende della Famiglia reale britannica la loro appare, più che una decisione maturata dopo la nascita del figlio Archie e ponderata per il bene del pargolo, l’ultima geniale mossa ordita da Meghan. L’attrice di Suits di cui Harry si innamorò follemente quattro anni fa è la probabile promotrice di tutte le fasi del distaccamento del marito dalla famiglia, il quale pure in passato aveva dimostrato insofferenza. Ribelle che si era agghindato con l’uniforme nazista a una festa facendo inorridire la Regina, allergico alla vita sotto i riflettori (l’adorata madre Lady Diana è perita cercando di sfuggirli), è passato dalla lealtà verso la madre a quella per la nonna e ora per la moglie, assecondando prima una poi l’altra.

Meghan, dopo aver mollato la carriera per sposare l’amato, patisce la lontananza dai riflettori in veste di celebrità e ha realizzato a proprie spese quanto non sia, in realtà, glamour la vita da reale – tanto da aver dichiarato a un programma di Itv di “aver fatto di tutto per adattarsi ai protocolli reali” ma senza successo. Alla fine il sospetto che l’ingenuo Harry, dopo aver perso la testa per la bellissima americana, assecondi tutte le sue richieste, ha cominciato a serpeggiare nella mente di molti appassionati alle vicende reali. Per ora di certo c’è che Meghan ha preferito allontanarsi dalla bufera rifugiandosi in Canada con il figlio mentre la suocera si dispera. Aspettiamo la contromossa di Sua maestà la Regina.

Fonte : Wired