Art in Pills e Storiuncole vintage ’80

Storiuncole vintage anni ’80.

Colle, carta e altro

Tutti, presumo, tutti almeno una volta nella nostra carriera scolastica ci siamo imbattuti nella mitica colla COCCOINA e la UHU. Io me le ricordo quando andavo alle scuole elementari. Di solito avevo delle colle liquide che assomigliavano a gel trasparenti e se sbagliavi a farne colare troppa attraverso la spugnetta il foglio diventava umidiccio e fare il buco nella pagina mentre scrivevi era un attimo. Solo verso la terza elementare sono passata alla colla stick. Due però erano le colle che attiravano la mia e la nostra attenzione. Una era la mitica COCCOINA che mi faceva impazzire per il vasetto bianco con le scritte blu o, rarità, quello in metallo (allumino realizzato prima degli anni ’80). Aveva quel pennellino micro col manichetto in acciaio e le setole morbide. La Coccoina io me la ricordo perché nessuno di noi ce l’aveva, però era in dotazione alla scuola e molti di noi r, non perdevano mai l’occasione di correre all’armadio presente in classe per poter prendere quel barattolo e annusare quella cremina bianca che sapeva di mandorla. L’altra colla era la UHU. Era trasparente, molliccia, ma non troppo e mi ricordo che avevamo l’abitudine di metterne un po’ sul banco e poi picchiettarci sopra il dito fino ad ottenere delle piccole palline. Cosa ne facevamo poi? Trasformavamo i fusti delle biro in mini cerbottane che sparavano palline di colla grigiastra. Ci si divertiva con poco…

Fonte : Cultora