Scoperta la “sorella” della Terra (ma è lontana e non ha giorno e notte)

Esiste un altro pianeta abitabile per gli umani? Ebbene sì, anzi a 100 anni luce di distanza c’è una “sorella” della Terra, che si trova nella cosiddetta zona abitabile, ossia alla distanza ideale dalla sua stella per avere acqua liquida in superficie. Non si tratta della prima volta in cui vengono individuati pianeti con caratteristiche simili, ma le distanze sono ancora troppo elevate. Il nome della “sorella” della Terra è TOI 700d, ed è stata individuata dal nuovo cacciatore di pianeti Tess, della Nasa.

L’incredibile scoperta è stata annunciata al convegno della Società astronomica americana, dal gruppo guidato da Emily Gilbert, dell’università di Chicago. Al progetto hanno preso parte anche gli italiani Giovanni Covone, astrofisico dell’università Federico II di Napoli e associato dell’Istituto nazionale di Astrofisica e Istituto nazionale di Fisica nucleare, e lo studente Luca Cacciapuoti della Federico II.

Da quando è stato lanciato nel 2018, Tess cerca pianeti analizzando i cali di luminosità provocati dal loro passaggio: un modus operandi con cui è stato possibile individuare tre pianeti che orbitano intorno alla nana rossa TOI 700, con una massa pari a circa la metà di quella del Sole. Di questi tre pianeti, il più affascinante è TOI 700d, il pianeta più esterno, che è roccioso e poco più grande della Terra. Questo pianeta inoltre ha un anno che dura 37 giorni, temperature miti e la stella che la illumina è stabile e non mostra eruzioni. Il pianeta rivolge sempre la stessa faccia alla sua stella, come fa la Luna con la Terra, perché impiega lo stesso tempo sia per ruotare su se stesso che per girare intorno alla stella, ma questo potrebbe non essere un limite per la nascita della vita.

Fonte: Nasa.gov →
Fonte : Today