Trump impone nuove sanzioni all’Iran: “I nostri missili sono più grandi”

Il presidente Trump parla alla nazione. Frame da video in diretta

Gli Stati Uniti d’America imporranno nuove sanzioni economiche all’Iran dopo il lancio dei missili contro gli obiettivi Usa in Iraq. 

Lo ha annunciato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante una conferenza stampa tenuta alla Casa Bianca in cui ha spiegato che l’Iran dovrà abbandonare le sue ambizioni nucleari e “porre fine al suo sostegno al terrorismo”.

Le nuove sanzioni che Trump ha indicato come “potenti” verranno imposte dagli Stati Uniti all’Iran “fino a quandonon cambierà il suo comportamento”. Il presidente statunitense ha ricordato come solo negli ultimi mesi, il regime iraniano si è reso responsabile di attacchi a navi nellostretto di Hormuz, di aver attaccato impianti petroliferi in Arabia Saudita e abbattuto due droni americani.

In un altro passaggio il presidente statunitense ha spiegato che oggi stesso chiederà un maggior impegno dei paesi Nato in Medio Oriente.

Quanto all’accordo sul nucleare iraniano Trump ha spiegato di pensare ad un nuovo patto con il regime di Teheran per “rendere il mondo un posto più sicuro e più pacifico”.

Il presidente statunitense ha rivendicato la decisione di uccidere il comandante militare iraniano Qasem Soleimani indicandolo come “il più grande terrorista del mondo”.

“Ha addestrato eserciti terroristici, tra cui Hezbollah, lanciando attacchi terroristici contro obiettivi civili. Ha alimentato sanguinose guerre civili in tutta la regione. Ha ferito e ucciso migliaia di truppe statunitensi”.

Trump ha rivendicato il risultato di indipendenza energetica raggiunta dagli Stati Uniti che sono ora il primo produttore di petrolio e gas naturale del mondo. “Siamo indipendenti e non abbiamo bisogno del petrolio in Medio Oriente”.

“Gli Stati Uniti sono pronti ad abbracciare la pace con tutti coloro che la cercano.” ha concluso Trump.

Trump ha spiegato che nessun americano è stato ferito nell’attacco portato dal regime iraniano.

Fonte : Today