Sapevate che il primo ministro australiano è un negazionista climatico?

Gli incendi australiani sono un presagio apocalittico, ma il premier Scott Morrison si ostina a negare l’emergenza e a difendere gli interessi dell’industria del carbone

(foto: JAMES ROSS/POOL/AFP via Getty Images)

La pioggia ha concesso una breve tregua, ma il peggio deve ancora arrivare. La stagione degli incendi in Australia è appena cominciata e il governo di Scott Morrison sembra del tutto inadeguato ad affrontare l’emergenza. A dicembre, mentre le fiamme divoravano il sud-est del continente, il premier australiano si trovava su una spiaggia delle Hawaii. Niente di più emblematico per un negazionista incallito come Morrison, accusato sulle colonne del New York Times di difendere gli interessi delle lobby dei combustibili fossili anziché la sicurezza nazionale.

Morrison ha vinto le elezioni del 2018 alla guida del Liberal Party con la promessa di abolire la tassa sul carbone e di non introdurre altri balzelli ambientali. Già nel 2017 aveva fatto il giro del mondo un video in cui il futuro premier esibiva in parlamento un pezzo di carbone, invitando a non averne paura. L’Australia è il primo esportatore mondiale di gas e carbone e l’industria dei combustibili fossili è un grande sponsor dei due principali partiti al governo e all’opposizione. Perciò non sorprende l’impegno dell’esecutivo nell’ostacolare ogni tentativo di ridurre  i gas serra, un copione che si è ripetuto anche al recente vertice sul clima di Madrid.

Ma per contrappasso l’Australia è anche una delle nazioni più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Tre anni di siccità e temperature record hanno creato le condizioni ideali per una stagione di violenti incendi. A metà dicembre, quando le prime vittime (oggi salite a 25) hanno costretto Morrison a interrompere le vacanze alle Hawaii, il premier ha cercato di capitalizzare la situazione visitando i territori colpiti, ma ha attirato la pesante opposizione dei residenti di Cobargo, una cittadina di mille anime nello stato del Nuovo Galles del Sud, tra Sidney e Melbourne. Di solito i leader politici acquistano popolarità in una situazione di crisi, ma per un negazionista in fuga dalla realtà come Morrison l’impresa si è rivelata impossibile. Del resto, se fino la giorno prima si sminuisce la minaccia, il giorno dopo è difficile presentarsi come il salvatore della patria. Peggio ancora, la reazione all’emergenza è stata finora tardiva, blanda e inefficace: un disastro nel disastro.

Nel tentativo di salvare la faccia, Morrison ha provato a dipingere questa catastrofe senza precedenti – soltanto nel Nuovo Galles del Sud sono andati in fumo 4 milioni di ettari, più del quadruplo dell’area colpita l’anno scorso dagli incendi in Amazzonia – come una situazione ordinaria. In conferenza stampa il premier ha offerto risposte evasive, chiedendo pazienza. Ma il meglio di sé l’ha dato nel discorso di Capodanno, quando ha affermato che “nonostante la siccità, gli incendi e le inondazioni, l’Australia resta un paese meraviglioso dove far crescere i bambini”.

Un murale a Sydney (foto: Jenny Evans/Getty Images)

L’estate australiana dei barbecue, del cricket e del surf è stata però spazzata via da fiamme alte fino a 70 metri, dal fumo soffocante degli incendi, da centinaia di abitazioni ridotte in cenere, dalla strage di koala e canguri. A Capodanno, la nube prodotta dai roghi – grande come l’Europa – aveva reso irrespirabile l’aria di Canberra, ancora oggi la più inquinata del mondo. E il tentativo di Morrison di rimarcare il costo economico che avrebbe ridurre le emissioni si è scontrato con il costo dell’inazione, plasticamente raffigurato dall’immagine apocalittica dei sopravvissuti ammassati sulle spiagge in attesa dei soccorsi, con i volti coperti dalla mascherine e un infernale cielo arancione sopra la testa.

Gli incendi hanno già colpito un terzo della popolazione australiana. E quando, tra alcuni mesi, l’emergenza sarà finita, il negazionismo climatico dovrà fare i conti con la realtà. L’Australia è un presagio di quel che rischia di accadere su questo pianeta sempre più caldo, e non c’è niente di normale, niente a cui potersi adattare, se la  crisi climatica continuerà a essere negata o sminuita. In una libreria di Cobargo, la cittadina devastata dalle fiamme dove Morrison si è preso dell’idiota, è spuntato un cartello che la dice lunga: “La fantascienza post-apocalittica è stata spostata nella sezione attualità”.

Fonte : Wired