Correre la maratona ringiovanisce di 4 anni il sistema cardiovascolare

Correre una maratona per la prima volta può ringiovanisce il sistema cardiovascolare: è quanto indicano i risultati di una ricerca guidata dall’Institute of Cardiovascular Science dell’University College di Londra, i cui risultati sono stati pubblicati sulle pagine della rivista specializzata Journal of the American College of Cardiology. Dallo studio emerge che il duro allenamento e il completamento dei 42,195 km del percorso regolamentare, infatti, sono associati a riduzioni della pressione sanguigna e dell’irrigidimento aortico, equivalenti a una riduzione di quattro anni nell’età vascolare, con i maggiori benefici osservati negli uomini anziani, più lenti e con pressione sanguigna più alta.

Lo svolgimento dello studio

“Incontrando i pazienti nel nuovo anno, formulare una raccomandazione relativa all’allenamento orientata agli obiettivi (come l’iscrizione a una maratona o a una corsa amatoriale) può essere un buon modo per incoraggiarli a mantenersi attivi”, spiega Charlotte H. Manisty, autrice senior della ricerca. “Lo studio mette in luce l’importanza delle modifiche dello stile di vita per rallentare i rischi associati all’invecchiamento, soprattutto perché sembra non essere mai troppo tardi”, prosegue l’esperta. Per svolgere lo studio, i ricercatori dell’Institute of Cardiovascular Science dell’University College di Londra hanno analizzato le condizioni di salute di 138 maratoneti sani che hanno preso parte per la prima volta alla Maratona di Londra nel 2016 e nel 2017.

La preparazione alla maratona

Tutti i partecipanti sono stati esaminati all’inizio e al termine della competizione. I ricercatori hanno potuto così determinare la loro età media (37 anni) e il numero di ore settimanali dedicate alla corsa (circa due). Per prepararsi alla maratona, i partecipanti hanno seguito un piano di allenamento per principianti della durata di sei mesi, composto da circa tre corse a settimana. L’esercizio fisico costante ha ridotto la pressione sistolica (massima) e diastolica (minima) dei maratoneti, rispettivamente di 4 e 3 millimetri di mercurio. L’allenamento ha anche contribuito a ridurre la rigidità aortica. 

Correre anche meno di un’ora a settim...

Correre anche meno di un’ora a settim...


Fonte : Sky Tg24