Vienna città della musica: un anno dedicato a Beethoven

Il patrimonio artistico – musicale della capitale austriaca è rilevantissimo e continua a vivere anche grazie a decine di prestigiosi eventi, anche  dedicati a Beethoven, che animeranno la città durante l’anno appena iniziato. E a Vienna chi ama la musica classica potrà trovare molte occasioni interessanti.

La città della musica – Oggi come 250 anni fa Vienna continua ad essere la città della musica per eccellenza, a cominciare dal celeberrimo concerto di Capodanno. Tutte le sere 10.000 appassionati di musica ascoltano pezzi di musica classica dal vivo all’Opera di Stato, al Musikverein, al Konzerthaus, al teatro lirico Volksoper e in diverse altre istituzioni musicali. Vienna, in quanto a prestigiose istituzioni musicali, come sale d’opera e da concerto, non ha pari al mondo. L’Opera di Stato di Vienna è considerata uno dei teatri lirici più importanti a livello internazionale e soprattutto quello con il più vasto repertorio. Per ben 300 serate all’anno mette in scena spettacoli di altissimo livello con le più grandi star. Unico al mondo è anche il rapporto tra l’Orchestra dell’Opera di Stato di Vienna e l’Associazione dell’Orchestra Filarmonica di Vienna. 

I Wiener Symphoniker –  L’11 gennaio l’Orchestra sinfonica di Vienna considerata tra le migliori del mondo presenterà  – insieme alla Wiener Singakademie –  una ricostruzione della “Grande Accademia Beethoven” del 1808. In programma vi sono tra l’altro la “Pastorale” (sinfonia n. 6) e la “Fantasia corale”. Il 15 maggio l’Orchestra darà un concerto esclusivo in simultanea con la Beethoven Orchester Bonn – un evento all’aperto con visione pubblica su maxischermo, che unirà con un ponte in diretta le due città beethoveniane Bonn e Vienna. All’inizio di giugno i Wiener Symphoniker eseguiranno in due concerti un “Best of Beethoven” che includerà l’Ouverture di “Egmont” e l’“Eroica” (sinfonia n. 7). Con l’esecuzione della “Nona sinfonia” il giorno di San Silvestro del 2020, l’orchestra concluderà il suo intenso anno beethoveniano.

La casa di Ludwig – Sembra che Ludwig van Beethoven sia vissuto a Vienna in oltre 40 abitazioni diverse. Gli edifici in cui Ludwig van Beethoven scrisse anche la sua “Terza Sinfonia “Eroica” e il “Testamento di Heiligenstadt”, si trovano nel 19esimo distretto di Vienna. Nel 2017 quello situato all’indirizzo Probusgasse 6, in seguito ad un vasto riallestimento, è stato riaperto e ospita ora il Museo di Beethoven. Si può inoltre visitare anche la casa in cui visse con qualche interruzione, per ben otto anni. Nella cosiddetta Casa Pasqualati in via Mölker Bastei, nel centro storico di Vienna, Beethoven scrisse l’opera lirica “Leonore”, che in un secondo momento fu ribattezzata contro il suo volere in “Fidelio”.

Strumenti rinascimentali e barocchi – La Collezione di Strumenti musicali storici alla Hofburg vanta la più vasta raccolta al mondo di strumenti rinascimentali e barocchi e di numerosi strumenti, che appartennero a illustri musicisti e compositori. La maggior parte dei pezzi faceva originariamente parte della raccolta asburgica. Nel corso di matinée si può non soltanto ammirare, ma anche ascoltare il suono di questi strumenti.L’Arnold Schönberg Center non ospita solamente il lascito dell’inventore della musica dodecafonica e fondatore della Nuova Scuola Viennese, ma propone anche rassegne straordinarie ed è un attivo centro di ricerca. 

La Casa della Musica – Vienna offre anche tutta una serie di interessanti musei e collezioni per amanti della musica. La Casa della Musica, distribuita su cinque piani, invita ad intraprendere un viaggio nel mondo delle note musicali. Presentazioni interattive e multimediali, che partono dai primordi della produzione sonora dell’umanità accompagnano il visitatore fino alla musica contemporanea. Nel 2020 questo ineguagliabile museo del suono festeggia il ventesimo anniversario della sua fondazione.

Per maggiori informazioni: www.wien.info/it

Fonte : TgCom