Tragedia a Bolzano, auto travolge e uccide 6 persone. Tra i feriti una romana: “Una scena di guerra”

“È stata la notte peggiore della mia vita. Quando quella macchina ha centrato la folla in strada sembrava il terremoto, una scena di guerra”.

Sono le parole di Giovanna, 25 anni, di Roma, tra i feriti del tragico incidente avvenuto nella notte tra il 4 e il 5 gennaio a Bolzano, costato la vita a sei ventenni tedeschi.

Volavano schegge di vetro, pezzi di carrozzeria. E poi quei corpi a terra: erano ovunque. Io non avevo mai visto dei cadaveri. Le luci delle volanti illuminavano la strada e non si sentivano che sirene, urla disperate”.

La ragazza era in vacanza insieme a un gruppo di amici, e aveva trascorso la serata nello stesso locale dei turisti travolti dall’Audi TT guidata da un 27enne altoatesino, ubriaco alla guida, poi arrestato. È rimasta ferita a una gamba da una scheggia. Assistita dagli avvocati Giuseppe Urgesi e Samantha Faiella dell’Associazione Giustitalia, ai suoi legali ha parlato di una cifra “sottostimata” di persone coinvolte nell’incidente. 

Le cifre ufficiali al momento, oltre alle sei vittime, parlano di 11 feriti, tutti giovanissimi di età compresa tra i 19 e i 22 anni. Tre sono italiani, tra loro anche Giovanna. 

La dinamica della tragedia

L’incidente è avvenuto a Lutago, un villaggio di montagna frazione del comune di Valle Aurina, nella provincia di Bolzano. Un’auto è piombata su una comitiva di turisti, quasi tutti tedeschi, travolgendo le persone che erano appena scese da un bus per rientrare in albergo. Alla guida Stefan Lechner, 27 anni di Chienes, in val Pusteria, arrestato con l’accusa di omicidio stradale plurimo aggravato da guida in stato di ebbrezza e lesioni stradali: rischia 18 anni di reclusione. Lechner stato ricoverato in psichiatria in via precauzionale. Il suo tasso alcolemico è risultato 1,97 g/l, ovvero 4,7 volte superiore alla limite massimo.

Fonte : Roma Today