Paola Ferrari elogia Trump, bufera sulle sue parole

La giornalista sportiva Paola Ferrari finisce al centro delle polemiche, ma questa volta non per un botta e risposta con la sua collega-rivale Diletta Leotta o ancora con Wanda Nara. A far puntare i riflettori su di lei, e non quelli della Rai, è stato il suo tweet in cui elogia l’operato del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Il tweet di Paola Ferrari

“Grande azione dell’intelligence americana contro un loro nemico giurato – ha scritto via social – Finalmente qualcuno con le palle. Ne avessimo anche noi invece politicamate corretti capaci solo di subire e criticare”. Il commento si riferisce all’uccisione del generale Qassem Soleimani in un raid ordinato dal presidente americano.

Il commento di Selvaggia Lucarelli 

Un’opinione che non è passata inosservata ai suoi follower, e non solo, che si sono letteralmente scatenati sul web proponendola come inviata a Baghdad, come consigliera di Trump ed anche come ministro degli Esteri. Anche Selvaggia Lucarelli in un tweet ha ironizzato prendendo spunto proprio dalla ben nota ‘rivalità’ con Diletta Leotta: “Se l’intelligence americana elimina anche Diletta Leotta, si appende il poster di Trump in cameretta”. 

Lorenzo Cesa prende le sue difese

Ma non tutti hanno scherzato sulle affermazioni di Paola Ferrari che è finita per essere oggetto di insulti.  A tal proposito è intervenuto, sempre attraverso un Tweet, il segratario nazionale Udc, Lorenzo Cesa che ha scritto: “Conosco Paola Ferrari da una vita. Ho potuto apprezzarne le doti morali e la competenza. Che venga insultata per una legittima opinione la dice lunga sul livello basso del dibattito e sulla mancanza di civilta’ in questo Paese”. 

Fonte : Today