Lettere minatorie e aggressioni ai vicini di casa: così un 51enne diventa l’incubo del condominio 

Spaventava i vicini di casa con lettere minatorie, fino ad arrivare in qualche caso anche a vere e proprie aggressioni fisiche. Un uomo di 51 anni, italiano, è finito in manette, accusato di reati persecutori nei confronti dei suo condomini. A suo carico gli Agenti della Polizia di Stato del commissariato Torpignattara, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma. 

In particolare, l’uomo con reiterate condotte commesse in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, nell’arco di circa 3 anni, si è reso responsabile di diverse azioni tali da suscitare nei confronti dei condomini del suo palazzo, un grave stato di paura fino a  ingenerare timore per la loro incolumità.

Le indagini degli investigatori sono partite dopo aver ricevuto numerose denunce da parte dei condomini nei confronti del 51enne il quale, con lettere minatorie è riuscito a creare un grave stato di  terrore, in alcuni casi concretizzato in vere e proprie aggressioni fisiche in danno di due malcapitati condomini, cagionando loro lesioni anche gravi.

Fonte : Roma Today