Greta Gerwig ha fatto piangere Quentin Tarantino durante il Palm Springs Film Festival

Come vi abbiamo riportato qualche giorno fa, il Palm Springs Film Festival ha eletto Quentin Tarantino il miglior regista dell’anno, e nelle scorse ore è spettato a Greta Gerwig l’onore di consegnare all’autore l’ambito riconoscimento.

Nel presentare il premio Director of the Year per la 31a edizione del Gala dei premi del FestivalInternazionale di Palm Springs, però, la regista di Piccole Donne e Lady Bird ha spinto Tarantino alle lacrime, con un discorso molto commovente e sentito.

Quentin Tarantino fa i film come se i film potessero salvare il mondo“, ha detto. “I film possono uccidere Hitler, liberare gli schiavi e dare a Sharon Tate una nuova estate … Dice le verità più profonde alle folle più grandi con la spavalderia che deriva dal sapere che tutti, a livello collettivo, saranno cambiati in meglio dall’esperienza di quei film”.

Tarantino, ricevuto il premio con gli occhi lucidi, ha replicato dal pulpito: “Ha letteralmente parlato di me nel modo in cui le persone parlano di me soltanto durante i miei sogni più sfrenati”, ha detto il regista. “Grazie. Grazie mille. Ma non parlare di me come se fossi morto!” ha scherzato alla fine.

La cerimonia dei premi del Palm Springs Film Festival è seguito da vicino soprattutto in chiave Oscar, dato che il suo record di successi nella previsione dei nominati agli Academy Awards è a dir poco invidiabile. L’anno scorso, 10 su 11 dei premiati al festival hanno ottenuto una nomination agli Oscar, e di questi ben sei hanno portato a casa la statuetta, tra cui la migliore attrice Olivia Colman (The Favorite) e il miglior attore Rami Malek (Bohemian Rhapsody).

Per altri approfondimenti scoprite le migliori scene di C’Era Una Volta a Hollywood e l’annuncio del nuovo film di Greta Gerwig.

Fonte : Everyeye