Sanità, D’Amato: “Il 2020 per il Lazio sarà l’anno della salute mentale”

In primaverà si terrà nel Lazio la prima Conferenza regionale sulla Salute mentale. Lo ha annunciato l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, che questa mattina ha effettuato una visita presso il Servizio psichiatrico di diagnosi e cura (Spdc) di Tor Vergata, accompagnato dal rettore dell’Università di Tor Vergata, Orazio Schillaci, e dal professor Alberto Siracusano. “Potremmo pensare di farla proprio ad aprile in occasione della ricorrenza dell’apertura nel Lazio della prima Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) che fu inaugurata nel 2015 a Pontecorvo per il superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari (Opg)”, ha spiegato D’Amato. 

“Il 2020 sarà per la nostra regione l’anno della Salute Mentale” ha proseguito l’assessore. “Dobbiamo passare da un sistema che dava la precedenza all’emergenza-urgenza ad un sistema che punti al potenziamento della rete dei servizi territoriali e quindi anche alle tematiche legate alla salute mentale. Questa è la sfida che abbiamo davanti e che abbiamo inserito nei nuovi programmi operativi. Stiamo facendo uno sforzo importante che passa per il potenziamento della Rete delle REMS e a breve apriremo ulteriori 20 posti letto, stiamo migliorando e implementando la rete degli SPDC (servizio psichiatrico di diagnosi e cura), la rete dei DSM (dipartimento di salute mentale) con particolare riferimento alle crescenti patologie nell’eta’ evolutiva ed adolescenziale e potenziando gli organici”.

Poi ha concluso: “Oggi il sistema sanitario regionale apre una fase nuova, dobbiamo lavorare con una multidisciplinarietà e in un’ottica di sistema con il coinvolgimento del mondo dell’associazionismo mettendo sempre al centro il malato e la persona”. 

Fonte : Roma Today