Laura Pausini, le frasi più belle delle sue canzoni

Laura Pausini è una delle voci italiane più famose a livello internazionale. Nel corso degli anni la cantante ha scalato le classifiche di tutto il mondo, scopriamo insieme le frasi più belle delle sue canzoni.

Laura Pausini, classe 1974, debutta nel 1993 sul palco del Festival di Sanremo con il brano “La solitudine”, il resto è storia.

Successivamente la voce di “Strani amori” inanella un successo dietro l’altro imponendosi come una delle artiste del Bel paese più famose a livello internazionale e guadagnando prestigiosi riconoscimenti, tra i quali un Grammy Award per il “Miglior album latin pop dell’anno” nel 2006.

Nel corso degli anni Laura Pausini (qui potete trovare tutte le sue foto più belle) ha lanciato album e singoli in grado di scalare le classifiche di tutto il mondo, tra i suoi lavori più celebri e iconici troviamo “Laura”, “Resta in ascolto” e “Primavera in anticipo”. Scopriamo insieme le frasi più belle di alcune delle canzoni più amate della cantante.

“La solitudine” (1993)

Chissà se tu mi penserai
Se con i tuoi non parli mai
Se ti nascondi come me
Sfuggi gli sguardi e te ne stai
Rinchiuso in camera e non vuoi mangiare
Stringi forte a te il cuscino e
Piangi non lo sai quanto altro male ti farà
La solitudine

“Strani amori” (1994)

E sono
Strani amori che
Fanno crescere e sorridere
Fra le lacrime
Quante pagine lì da scrivere
Sogni e lividi da dividere

Sono amori che spesso a questa età
Si confondono dentro a quest’anima
Che si interroga senza decidere
Se è un amore che fa per noi

“Tra te e il mare” (2000)

Io che avrei vissuto da te
Nella tua straniera città
Sola con l’istinto di chi sa amare
Sola ma pur sempre con te
Non posso più dividermi tra te e il mare
Non posso più sentirmi stanca di aspettare

No, amore no io non ci sto
O ritorni o resti li
Non vivo più
Non sogno più
Ho paura aiutami

Amore non ti credo più
Ogni volta che vai via
Mi giuri che è l’ultima
Preferisco dirti addio

“Resta in ascolto” (2004)

Ogni tanto penso a te
È una vita che non ti chiamo o chiami me
Può succedere
Ma nessun’altro chiamai amore, amore
Io da allora nessuno trovai
Che assomigliasse a te
Che assomigliasse a me
Nel cuore

Resta in ascolto
Che c’è un messaggio per te
E dimmi se ci sei
Perchè ti conosco e so bene che ormai per te
Alternativa a me non c’è, non c’è per te non c’è
Ma sarebbe una bugia mia
Dirti adesso che non ho avuto compagnia
Sono uguale a te

“Benvenuto” (2011)

A te che perdi la strada di casa ma vai
Dove ti portano i piedi e lo sai
Che sei libero
Nelle tue scarpe fradice
A chi ha parole cattive soltanto perché
Non ha saputo chiarire con sè
A chi supplica
E poi se ne dimentica
A chi non ha un segreto da sussurrare
Ma una bugia da sciogliere
A chi non chiede perdono
Ma lo avrà

Benvenuto a un pianto che commuove
Ad un cielo che promette neve
Benvenuto a chi sorride, a chi lancia sfide
A chi scambia i suoi consigli coi tuoi

Benvenuto a un treno verso il mare
E che arriva in tempo per natale
Benvenuto ad un artista, alla sua passione
Benvenuto a chi non cambierà mai
A un anno di noi

A questa luna che i sogni li avvera o li da
O li nasconde in opportunità
A chi scivola
A chi si trucca in macchina
E benvenuto sia questo lungo inverno
Se mai ci aiuta a crescere
A chi ha coraggio
E a chi ancora non ce l’ha

“Simili” (2015)

Io cosi simile a te
A trasformare il suono della rabbia
Io cosi simile a te
Un bacio in fronte e dopo sulle labbra
La meraviglia di essere simili
La tenerezza di essere simili
La protezione tra essere simili

Non mi domando più
Se ci sarà qualcuno a tendere la rete
Pronto a soccorrere
Me lo ricordi tu
Chi vola impara a sfottere le sue cadute
Come a difenderle
E cosi fai tu e nascondi piano
La tosse e il cuore nella stessa mano
Arrivi tu
Che sai chi sono

“Frasi a metà” (2018)

Ecco il mio cuore sfinito da quanto è capace
Sempre ostinato, sempre la copia di sé
E poi ti ho perduto nell’alba gelata di ottobre
Non c’era giorno migliore

Sarà che hai preso tutto e l’hai buttato via
Qualsiasi cosa fu, qualunque cosa sia
Non ti accompagno più se non c’è più ragione
Si muore in mezzo a una frase o di frasi a metà
Si muore a metà di una frase o di frasi a metà

Chiudiamo le cose, veloce, che poco mi basta
La rabbia finisce all’arrivo
È il poco in valigia la cosa che resta

Fonte : Sky Tg24