Piano freddo, Raggi dopo l’appello di Sant’Egidio: “Quest’anno 115 posti in più”

“L’inverno può mettere a rischio le persone più deboli, che non hanno un posto dove vivere o sono più esposte ai forti cali di temperatura. È pensando a loro che abbiamo attivato il Piano Freddo con più risorse e più posti riservati le persone senza dimora e in condizioni di fragilità. Sono 450 i posti a disposizione tra accoglienza diurna e notturna, 115 in più rispetto all’anno scorso. Sono già attivi circa 350 posti ed è in programma un aumento graduale in base al fabbisogno”. Così la sindaca Virginia Raggi sulla pagina Facebook. 

“Abbiamo anche finanziato altri 100 posti di accoglienza attivabili direttamente dai Municipi I, II, III, VIII e X – ha aggiunto – il Piano Freddo va a integrare i circa mille posti dell’accoglienza ordinaria dei circuiti capitolini della Sala Operativa Sociale e per i Migranti Fragili, e i circa 60 mila pasti serviti mensilmente con fondi capitolini. L’assessora Veronica Mammì ha voluto dare un bel segnale quest’anno aprendo all’accoglienza anche le porte degli uffici in viale Manzoni. Ringrazio tutti coloro che si impegneranno intensamente nelle prossime settimane e che lavorano ogni giorno per accogliere e sostenere i soggetti più fragili sul nostro territorio”

Di due giorni fa l’appello di Sant’Egidio rivolto anche alle istituzioni, dopo la morte di un senza fissa dimora in un parcheggio di Tor Bella Monaca. “L’inverno non è una calamità improvvisa e innaturale, ma ampiamente prevista, anche se può arrivare in ritardo, com’è accaduto quest’anno. Per questo un appello urgente è rivolto anche alle istituzioni: tutti i Comuni italiani, nessuno escluso, devono avviare o potenziare con urgenza il loro piano freddo, prima che le prossime ondate di gelo provochino nuove vittime”.

Fonte : Roma Today