Tor Pignattara, il Comune dona un nuovo albero a Parco Sangalli

Un nuovo albero per Parco Sangalli. Dopo l’incendio che nella notte tra il 25 e il 26 dicembre ha bruciato il cedro di 8 metri addobbato per Natale nel parco che sorge all’ombra dell’acquedotto Alessandrino, a Tor Pignattara, il 31 dicembre scorso è comparso un nuovo albero. Un abete di 4 metri regalato dal Comune di Roma, che è già diventato un simbolo.

“Questa mattina grazie all’impegno diretto della sindaca Virginia Raggi e dell’assessore all’Ambiente Laura Fiorini, il comitato spontaneo dell’Acquedotto Alessandrino e tutto il quartiere di Torpignattara, hanno un nuovo albero di Natale”, il commento del presidente della commissione Cultura del V municipio, Alessandro Stirpe. “A tutta la comunità, perché proprio in questi momenti, dimostra sempre di essere unita e coesa per il bene comune. Benvenuto a Spelacchietto che è già il simbolo di tutti coloro che non si arrendono alla violenza e al degrado”.

“Tutta la comunità di Tor Pignattara è entusiasta di questa sorpresa”, il commento di Simone Magnelli, presidente del comitato spontaneo dell’Acquedotto Alessandrino. “Ringraziamo le istituzioni per aver dato questo segnale forte e immediato contro un atto vandalico”. Non solo questione di addobbi natalizi. “Il cedro andato a fuoco era stato pagato dai cittadini e piantato in un luogo molto soleggiato così che, crescendo, avrebbe potuto creare un po’ di ombra. Si trattava di un albero importante. L’abete che ci è stato donato dal Comune, per il momento, resta nel vaso. Valuteremo insieme al servizio giardini la sua collocazione perché prima vogliamo capire se il cedro ha resistito all’incendio oppure andrà sostituito. Quanto accaduto ha toccato il cuore di tante persone”. 

Fonte : Roma Today