Ponte Umberto I: senza fissa dimora muore dopo trasporto in ospedale

E’ morta dopo il trasporto in ospedale. A perdere la vita la sera di Capodanno una senza fissa dimora, colta da malore mentre si trovava nei pressi di ponte Umberto I, in Centro StoricoRoma. Intervenuti gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale la donna, una 45enne di nazionalità ucraina, è stata affidataalle cure dell’ambulanza del 118 che l’ha trasportata all’ospedale Santo Spirito, dove è poi deceduta.  

Poche ore prima, intorno alle 20:00 del 31 dicembre, sempre la Polizia Locale è intervenuta in piazza Zama, all’Appio Latino, dove è stato trovato all’interno di un autocarro un uomo senza vita. Fra le ipotesi quella del possibile malore. 

Gli interventi sono arrivati nel corso della notte dei festeggiamenti di Capodanno con i vigili urbani che hanno effettuato centinaia di interventi, con circa mille agenti in campo fin dal primo pomeriggio,  impegnati su più fronti  in tutto il territorio capitolino. 

Numerose le attività  a contrasto dell’abusivismo commerciale, nonché  gli interventi in ausilio alle persone in difficoltà, perché colte da malore. Non sono mancate operazioni di assistenza ai senza fissa dimora, con personale esperto dei reparti Nae (Nucleo Assistenza Emarginati) e ai cittadini in difficoltà a causa di incidenti stradali.

In tale ambito sono stati circa 2000 gli articoli sequestrati dagli agenti, venduti illegalmente in varie zone del Centro Storico, tra i quali numerosi fuochi d’artificio, giocattoli non a norma e dannosi, dispositivi laser, ma anche bottiglie di birra, prodotti alimentari e accessori di abbigliamento. 

Numerose anche le merci  sottoposte a sequestro penale, in quanto contraffatte. Un venditore abusivo è stato denunciato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e per violazione delle disposizioni sull’immigrazione. 

Fonte : Roma Today