Aggredito l’ex deputato Arturo Scotto: “Colpito con 4 pugni. Urlavano duce-duce”

Arturo Scotto all’hotel Radisson Blu durante l’assemblea nazionale di Articolo Uno ”Diventare lAlternativa”, Roma 13 luglio 2019. ANSA/GIUSEPPE LAMI

“Sono stato picchiato da una squadraccia in piazza San Marco, a Venezia, gridavano ‘duce-duce'”. È quanto racconta all’AdnKronos l’ex deputato di Articolo 1 Arturo Scotto, vittima – a suo dire – di un’aggressione fascista.  “Un gruppo di giovani, tra i 20 e i 25 anni, stava inneggiando al duce, urlando, tra l’altro, ‘Anna Frank l’abbiamo messa nel forno’ – spiega – . Io mi sono avvicinato, chiedendo di smetterla, per tutta risposta mi hanno aggredito, colpendomi con quattro pugni”. “Erano in otto, con il viso coperto – aggiunge Scotto – e si sono poi dileguati”. “Ho passato la mattina dalla polizia, dove ho sporto denuncia”.

I responsabili dell’aggressione sono fuggiti, come spiega anche la moglie di Scotto, Elsa Bertholet, in un post su facebook. 

“Capodanno a Piazza San Marco con marito e figlio grande, mezzanotte e un minuto: un gruppo dietro di me canta ‘Anna Frank sei finita nel forno’, mi giro: ‘Ragazzi basta!’, si mettono a urlare: ‘Duce, duce …..’ con mano alzata, si gira mio marito che prima non le aveva sentito cantare: ‘Basta!!!!” e boum si prende botte in faccia da vari lati, poi si mette di mezzo un ragazzo per aiutarci e lo picchiano pure lui, visibilmente abituati al fatto, poi fuggono come dei vigliacchi che sono”. 

[embedded content]

Scotto ha già ricevuto la solidarietà di molti colleghi. “A lui, alla famiglia e al coraggioso ragazzo che ha provato a fermare i giovani fascisti va la mia solidarietà e un grande abbraccio” ha scritto su facebook il il senatore Pietro Grasso (Leu) in un post su Facebook.

“Un abbraccio fraterno ad Arturo Scotto aggredito stanotte da un gruppo di balordi che inneggiavano al duce” il commento di Roberto Speranza su Twitter. “So che nessuna violenza fermerà il tuo impegno per la libertà e la democrazia e contro ogni forma di fascismo”.

Fonte : Today