Lo sceneggiatore di Star Wars nega la “faida” tra JJ Abrams e Rian Johnson

Il franchise Star Wars ci ha tenuto compagnia per decenni e ha cresciuto generazioni di spettatori con nove film, due spin-off e le varie serie di contorno, ma dopo l’uscita di Star Wars: L’Ascesa di Skywalker un capitolo importante si è chiuso per sempre. L’ultima trilogia si è aperta e chiusa sotto il segno di J.J. Abrams.

Il settimo e il nono episodio sono stati infatti diretti da lui, intervallati dal controverso Gli Ultimi Jedi con la regia di Rian Johnson. Negli ultimi tempi sono circolate voci su una presunta “faida” tra i due registi, che lo sceneggiatore di L’Ascesa di Skywalker, Chris Terrio, ha voluto smentire.

Qualcuno ha voluto vedere in alcune dinamiche dell’Episodio IX il sovvertimento delle scelte fatte a suo tempo da Rian Johnson, interpretando un po’ tutto il film come una sottile polemica nei confronti del predecessore. “Le persone che lo vedono come una meta-discussione tra J.J. e Rian non colgono il senso, secondo me” ha però chiarito Terrio. “Alla fine di Gli Ultimi Jedi, Luke è cambiato. Sarebbe una lettura errata pensare che quello sia un modo per me e J.J. di litigare con Rian. Era più come se stessimo dialogando con Rian usando ciò che Luke ha fatto all’inizio di Gli Ultimi Jedi per dire che adesso la storia non si ripeterà e che tutti questi personaggi sono cresciuti.”

Queste dichiarazioni fanno chiarezza e dimostrano che non ci sono stati dissidi tra i due registi. Al contrario, sembra che tra Abrams e Johnson si fosse creato un clima positivo che ha favorito una costruttiva discussione tra i due e che alla fine ha giovato a Star Wars: L’Ascesa di Skywalker. Parlando dell’Episodio IX, Terrio si è recentemente soffermato anche sui Fantasmi della Forza, mentre Mark Hamill ha dedicato una poesia a Poe e Finn.

Fonte : Everyeye