Kevin Smith dopo aver finalmente visto Joker: “Il film che avevamo sognato di vedere”

Nonostante sia spesso invitato alle anteprime mondiali e divori tutto ciò che riguarda l’universo dei fumetti e dei cinecomic, così come anche tutto quel che concerne Star Wars, Kevin Smith non aveva ancora visto fino a qualche giorno fa una delle pellicole di questo 2019 agli sgoccioli: Joker.

Smith ha infatti rivelato nell’ultima puntata del suo Fatman on Batman di aver da poco visto il film per la prima volta dalla sua uscita, risalente all’ottobre scorso e ha immediatamente fornito un parere ai propri fan appassionati: “Questo film è dannatamente bello, vero? Questo è il tipo di film che sognavamo da ragazzini, mentre leggevamo i fumetti. Pensavamo: ‘Immaginate se trattassero questa materia in modo serio e qualcuno facesse un film vietato ai minori su Joker’. Lo hanno fatto davvero, amici. Questo film è proprio duro, no?“.

Smith ha poi elogiato gli sforzi del regista Todd Phillips che secondo lui non aveva ancora ricevuto il giusto riconoscimento, venendo dal territorio della commedia sebbene con film di successo come Una notte da leoni o Old School. “Onestamente è stato un passo avanti alla Quantum Leap per lui come regista, e nel corso delle varie conferenze stampa ha detto un sacco di cose ridicole che hanno portato il pubblico a non fare il tifo per lui, ma il film è meraviglioso, giù il cappello, è bellissimo. Lavora su un paio di livelli differenti. Funziona come cinecomic e come non-cinecomic“.

L’unica minuscola critica che Kevin Smith si è sentito di rivolgere alla pellicola riguarda la sua durata, forse eccessivamente lunga: “Non ho quasi nessuna critica negativa, forse solo una. Ho pensato fosse troppo lungo. Non potrei nemmeno dire quale scena toglierei, ma è come se ci fossero 15 minuti di troppo. Quindi Joker mi è apparso un po’ lungo, ma cosa ne so io? Ha fatto un miliardo di dollari, ma l’unico mio problema è con la sua durata. Specialmente nel finale, l’ultimo segmento, mentre lo vedevo pensavo ‘Non ce n’è bisogno’, quando vediamo lui senza trucco in ospedale. Perché dopo averlo visto sopra quell’auto ero tipo: ‘Gesù Cristo, vincerà ogni premio possibile e immaginabile, guarda qui. Sono pronto a dipingermi la faccia e a unirmi al movimento. Scoppio a piangere’. Poi lo vedo senza trucco nella scena finale e penso: ‘Oh, stanno provando davvero a vincere dei premi“.

Recentemente, proprio Smith aveva rivelato l’esistenza di un finale alternativo di Joker davvero molto scioccante. Un curioso dettaglio sul finale di Joker è emerso anche dal copione, pubblicato online in vista della campagna per gli Oscar.

Fonte : Everyeye