Precaria muore per un tumore, il Comune la “assume”: copia del contratto al cimitero

Festa di Capodanno doppia per i 16 dipendenti del bacino Asu, Attività socialmente utili, di Bagheria in provincia di Palermo. I lavoratori hanno finalmente firmato il contratto a tempo indeterminato nella sala Gargano dell’aula consiliare del municipio, ha consentito a questi precari storici di entrare a pieno titolo nel mondo del lavoro.

Un momento di grande felicità ma anche commozione, perché tra i 16 contratti c’è anche quello di Francesca Sorce, dipendente Asu scomparsa a causa di un tumore nel 2016, e a cui l’amministrazione ha voluto donare simbolicamente la copia del contratto portato al cimitero comunale ed una pergamena commemorativa alla famiglia. Francesca Sorce – dipendente Asu ex “Città Verde” – è morta dopo una lunga malattia, lasciando marito e una figlia: lavorava all’ufficio stipendi. 

Come riporta PalermoToday, i dipendenti sono stati assunti dall’Ente a tempo indeterminato e parziale. Le 16 figure professionali di cat. A appartenenti al contratto collettivo nazionale di Lavoro Comparto Funzioni Locali, rivestiranno in 12 il  profilo di “operatore servizi generali e tecnici” e 4 il profilo di “custode”. L’assunzione è avvenuta mediante selezione pubblica per titoli riservata ai lavoratori utilizzati in ASU ai sensi della circolare assessoriale n. 331/99 e del D. Lgs. 81/00 in servizio presso il Comune di Bagheria.

Ieri, in aula consiliari i 16 neo colleghi del Comune hanno firmato i nuovi contratti alla presenza del sindaco Filippo Maria Tripoli e dell’assessore al Personale Maurizio Lo Galbo. Visibilmente emozionati e felici i colleghi che avranno dunque una certezza del lavoro.

Fonte: PalermoToday →
Fonte : Today