La cometa di Natale Borisov immortalata dopo il ‘saluto’ al Sole.

La cometa interstellare Borisov, che accompagnerà l’avvicinamento al Natale diventando sempre più luminosa, è stata oggetto di un ‘inseguimento’ da parte del telescopio Hubble della Nasa e dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), conclusosi con due nuove spettacolari foto che mostrano il corpo celeste dopo un passaggio ravvicinato al Sole. Borisov sta attualmente viaggiando alla velocità di circa 175.000 km/h ed è il secondo oggetto proveniente dall’esterno del Sistema Solare mai osservato, dopo il curioso caso di Oumuamua. Il 28 dicembre la cometa raggiungerà la distanza minima dalla Terra, per poi cominciare progressivamente a allontanarsi di nuovo.

Cometa Borisov, le nuove foto del telescopio Hubble

Il telescopio Hubble è riuscito a ottenere due nuove immagini della cometa aliena Borisov, le più dettagliate mai scattate finora, che mostrano l’oggetto celeste subito dopo aver toccato il punto più vicino al Sole, detto anche perielio. Come spiegato dalla Nasa, Hubble “da ottobre ha seguito la cometa come un fotografo sportivo segue i cavalli correre lungo una pista”. Le più recenti osservazioni del telescopio ha permesso agli scienziati di misurare in modo più accurato le dimensioni del nucleo della cometa, che “sorprendentemente è 15 volte più piccolo di quanto le ricerche passate suggerissero”, come spiegato da David Jewitt, parte del team che ha ottenuto le nuove immagini di Borisov. Il raggio del nucleo della cometa non supererebbe quindi i 500 metri, un dato utile a capire quanti oggetti celesti simili potrebbero esserci nel Sistema Solare o nella Via Lattea.

La cometa interstellare Borisov dopo il passaggio ravvicinato al Sole (NASA, ESA, and D. Jewitt (UCLA), CC BY 4.0)

La cometa aliena ‘vicina’ alla Terra prima di Natale

Le nuove foto di Borisov sono state scattate dal telescopio Hubble quando la cometa aveva da poco raggiunto il perielio e si trovava a circa 298 milioni di chilometri dalla Terra. Il corpo celeste proseguirà ora la marcia di avvicinamento al nostro pianeta, che terminerà poco prima di Natale, il 22 dicembre, quando Borisov sarà a 290 milioni di chilometri dalla Terra. Restano quindi ancora alcuni giorni a disposizione degli astronomi per ottenere immagini ancor più definite della prima cometa esterna al Sistema Solare mai osservata, destinata a tornare nello spazio interstellare da cui è venuta. 


Fonte : Sky Tg24