Giglio.com lancia Community Store, innovativo modello di business per boutique

Il 16 dicembre 2019 Giglio.com, la storica destination del lusso e del lifestyle di Palermo, online dal 1996, svelerà il progetto online Community Store. Un innovativo modello di business Made in Italy, rivolto alle boutique italiane, ai brand italiani, agli stilisti emergenti e fondato su valori etici, sulla trasparenza totale e con obiettivi comuni. Un habitat sviluppato sul modello omnichannel e inclusivo per dare forza competitiva ai singoli, generando una grande sinergia tra brand e negozi sul territorio, sfruttando l’unione di editorialità, ricerca e tracciabilità. 

Giglio.com svela un nuovo capitolo della sua storia pensando a un futuro libero da massificazioni e fondato su valori comuni a tutti gli associati contributori. Il 16 dicembre 2019 il pioniere dell’e-commerce italiano del lusso si presenta ufficialmente con tutti i suoi nuovi progetti dell’omnichannel trasparente: un e-commerce che prima di tutto è una comunità di persone, con principi etici, trasparenza e rispetto del territorio. Un innovativo modello di business che apre il grande mondo del retail Italiano ai nuovi consumatori internazionali, garantendo loro una shopping-experience made-in-Italy, e salvaguardando l’ecosistema moda e retail italiano. Un progetto per la moda luxury: sostenibile per la convenienza commerciale; trasparente per la semplicità della gestione; etico per la compliance fiscale ed economica.

Community Store è una piattaforma di boutique italiane, che condividono valori, informazioni e obiettivi, regolata esclusivamente dalla legge Italiana, 100% compliant alle leggi doganali e fiscali europee. Sviluppato sul modello omnichannel, il progetto è studiato per dare maggiore forza competitiva ai singoli retailer (ma anche aperto ai brands). In un mercato dominato da grandi piattaforme massificanti e generaliste – guidate da modelli di dumping e di consumerismo che portano al ribasso i prezzi, il valore del brand e l’attività dei commercianti – il business model di Giglio.com è sviluppato attorno a una comunità di sistema dove tutti gli attori sono sullo stesso livello e in maniera trasparente: chi più ha più riceverà, e sarà supportato da un back end 100% italiano, fatto da persone e mezzi italiani.

Community Store di Giglio.com è una piattaforma modulare che aiuta i proprietari di boutique a promuovere il proprio assortimento, supportandoli in maniera attiva e coinvolgente. Chi fa parte del progetto opera in un vantaggioso programma di revenue shares e loyalty: da un lato ha l’opportunità di potenziare le vendite in un ecosistema sano, usufruendo delle migliori tecniche e applicazioni in ambito e-commerce, buying, pianificazione, pricing; dall’altro, può beneficiare dell’importante assortimento di Giglio.com in caso di reverse selling sia nel negozio fisico che per i private sales.
Community Store nasce dalla visione innovativa e pionieristica del retailer che dal 1960 ha scelto di essere un game changer del sistema con punti vendita tradizionali sul territorio e che dal 1996 anticipa ed implementa le più importanti tecniche digital. Un ecosistema omnicanale pensato per chi ha una boutique, un vero e proprio ponte verso il modello di consumo delle nuove generazioni, con interazione totale tra vendite online e in store, ormai imprescindibile. Un modo per mettere in contatto i negozianti sia con una nuova platea di consumatori finali a livello internazionale, che con altri retailer, per un modello di business che giova ad entrambi e che potrà coinvolgere anche brand, fiere, agenzie e distributori.

Community Store ha una piattaforma interamente proprietaria, permette di migliorare le performance del singolo negozio grazie alla forza competitiva dell’unione di eccellenze. È semplice da utilizzare, ha un team di assistenza tecnica dedicato e non blocca o vincola il proprio assortimento. Entrando nella piattaforma si ha una gestione automatizzata dei cataloghi e l’accesso ad attività di digital marketing mirate. Inoltre un potente sistema di customer support, che parla italiano ed è sempre a disposizione.
Il traffico di circa 2 milioni di visitatori unici al mese con una grandissima percentuale del traffico proveniente da Italia, Europa e Stati Uniti, ha come background una squadra di specialisti al servizio anche dei community partner che forniscono servizi di marketing digitale, assortment analisys e di seo.

Un family business di successo, quello di Giglio. Il gruppo fondato nel suo assetto attuale da Michele Giglio e oggi gestito e proiettato al futuro dai figli Giuseppe e Federico, è uno degli unici due retailer ammessi a far parte della Camera Nazionale della Moda italiana. Giglio gestisce tutte le attività strategiche internamente, esporta i più importanti luxury brand in cinque continenti, coprendo 150 paesi e 45 valute nel mondo, con una crescita di 6 milioni di utenti unici nell’anno (+65% i visitatori stranieri).
Risultati che denotano una crescita sana e concreta in un settore in sviluppo a livello worldwide, che sarà sempre più caratterizzato dall’unicità delle eccellenze locali. Un modello aperto a nuovi investimenti, adatto ad acceleratori di business interessati a un partner con profonda conoscenza del mercato di riferimento. Ma sempre ponendo al centro il rispetto delle regole e delle relazioni con i brand e con i partner.

“Siamo fieri di dare il via alla nuova piattaforma Community Store. Il progetto è una sorta di Stati Uniti del retail, nato proprio per permettere ai titolari di boutique italiane di rimanere al passo con i repentini cambiamenti dettati dall’online, entrando a far parte di un ecosistema sano e fondato sui valori di comunità e di business familiaredove tutti i negozi sono allo stesso livello. L’Italia è una grande potenza della moda non solo grazie ai brand, ma anche grazie ai negozianti, agli agenti, e all’attenzione dei consumatori nelle scelte d’acquisto. Noi crediamo che solo facendo sistema e unendo le forze, l’Italia possa affrontare le dinamiche del mercato online, continuamente soggetto a deregolamentazione e concorrenza selvaggia. Il consumatore sta cambiando e le nostre risorse non sono solo uno smart market place, ma possono rappresentare un place of markets. Il progetto si differenzia dalle altre piattaforme essendo 100% italiano e concepito proprio per valorizzare le identità fisiche e le loro vetrine territoriali, che rappresentano ancora oggi la diversità e la multisfaccettatura del ricco panorama fashion italiano” – spiegano Giuseppe e Federico Giglio, rispettivamente a capo dello sviluppo tecnologico/business intelligence e responsabile della supply chain/rapporti con le case di moda, del gruppo Giglio.

Fonte : Affari Italiani