Apple prepara versioni sottilissime di iPhone, MacBook e Watch stile ultimo iPad Pro

L’ultimo iPad Pro ultrasottile è stato il primo passo di un percorso che dovrebbe portare Apple a presentare una nuova generazione di dispositivi caratterizzati da spessori ridotti ai minimi termini. Secondo Mark Gurman di Bloomberg, nel prossimo futuro dovremmo aspettarci nuovi modelli sottiletta anche di iPhone, MacBook e persino di Apple Watch. L’anticipazione dell’analista sempre affidabile nei suoi rumors è che sarà in arrivo una generazione di gadget che risulteranno i più sottili e leggeri nelle rispettive categorie.

L’indiscrezione riportata da Gurman si sposa molto bene con le voci insistenti della presentazione di una versione speciale di iPhone 17 soprannominata proprio Slim per via di una struttura ultrasottile e con soluzioni di design inedite, a partire da una disposizione centrale dei sensori della fotocamera posteriore. L’uscita probabile è per il 2025, allineandosi ai rumors recenti, che prenderebbero come base la tecnica costruttiva dell’ultimo iPad Pro M4 da 5.1 mm, per realizzare esemplari molto più sottili di altri prodotti di punta del catalogo Apple. L’ultima versione del tablet punta su un layout interno inedito, che si avvale di una nuova copertura metallica chiamata “cofano” che si trova sopra la scheda logica e che corre lungo la parte centrale del dispositivo come una nervatura, conferendo più resistenza allo stress quotidiano, evitando piegamenti o fratture e migliorando anche la dissipazione del calore generato.

Lo stesso concetto dovrebbe rivedersi con la struttura di un MacBook ultrasottile, che avrebbe spazio a sufficienza per distribuire tutti i componenti sotto la scocca e riporterebbe in auge il concetto di Air, in combinazione con le nuove generazioni della piattaforma Silicon proprietaria. Lato Apple Watch, si potrebbe ottenere un orologio che rimarrebbe molto più aderente al polso, senza richiedere troppo ingombro a tutto vantaggio di una maggiore vestibilità e una migliore comodità per chi lo indossa costantemente dal lavoro all’allenamento.

Fonte : Wired