Alessandra Mussolini parla del Pride di Roma. “Sei diventata lesbica?”, lei risponde a tono

Oggi, 15 giugno, è un giorno di festa a Roma. Da giorni non si parla d’altro se non del Pride che si svolgerà nel centro della Capitale. Moltissimi sono arrivati a Roma proprio per prendere parte alla grande parata, e a tutti gli eventi collaterali.

Anche Alessandra Mussolini ha parlato dell’evento e sui suoi profili social ha condiviso la sua opinione. “Oggi si terrà la trentesima edizione del Roma Pride. Sarebbe davvero bello se manifestazioni del genere non servissero più, ma purtroppo servono ancora e serviranno finché la micidiale combinazione tra ignoranza e inciviltà continuerà ad esercitare la sua pressione sulle libertà personali”, ha scritto l’europarlamentare. “L’autodeterminazione, il bando di qualsiasi discriminazione di genere, la definitiva archiviazione di quella odiosa morbosità che si scatena su ogni tematica collegata alla sessualità: questo è quello che dobbiamo augurarci per il nostro futuro, ed è lì che una sana evoluzione della nostra società deve portarci”, si legge ancora. E infine: “Sembra così complicato, dal momento che ogni piccolo passo avanti deve costare sempre lunghi anni di attese e di rivendicazioni, quando in realtà si tratta di una cosa semplice. La libertà è la cosa più preziosa e più semplice che c’è. Buon Pride”.

In molti hanno commentato le parole di Mussolini, ma a due in particolare Alessandra ha deciso di rispondere su X. A chi ha scritto che i generi sono solo due, maschio e femmina, e che questo è dimostrato anche dal risultato delle elezioni politiche in Europa, Mussolini ha risposto prendendo le distanze: “Non misuro la libertà di pensiero con gli esiti elettorali, sarei meschina come chi lo pensa”.  A chi invece le ha chiesto se fosse “diventata lesbica” ha invece replicato: “Dimostra volgarità e intolleranza, niente di nuovo”. 

I commenti e le risposte di Alessandra Mussolini-2

Fonte : Today