Pink Floyd, David Gilmour rivela qual è la sua canzone preferita da “The Dark Side Of The Moon”

David Gilmour ha risposto molte volte alle domande sulla sua canzone preferita dei Pink Floyd, scegliendo nel repertorio della band i momenti di massima ispirazione. Comfortably Numb del 1979 rappresenta per lui l’ultimo grande momento di intesa creativa con Roger Waters, Echoes del 1971 è stata per molto tempo la sua canzone preferita da suonare dal vivo fino alla scomparsa del suo autore, il tastierista Richard Wright (“Un momento eccezionale che non si deve ripetere senza di lui”), mentre tra le canzoni sublimi ed universali di The Dark Side of the Moon secondo il chitarrista dei Pink Floyd, niente può superare il livello di qualità di scrittura ed esecuzione di The Great Gig in the Sky.

Ancora una volta, a rendere speciale il brano c’è la sua intesa con Richard Wright, che ha scritto il brano partendo da una progressione di accordi di pianoforte al quale ha dato il nome di The Mortality Sequence e The Religion Song e che i Pink Floyd suonano dal vivo già dal tour del 1972 come intermezzo musicale con estratti audio presi dai discorsi dello scrittore Malcolm Muggeridge. Durante le session di The Dark Side of the Moon ad Abbey Road l’atmosfera di The Great Gig in the Sky diventa onirica, intima e struggente. I Pink Floyd provano diversi effetti sonori, tra cui le registrazioni delle conversazioni degli astronauti della NASA, poi nel gennaio 1973 poco prima della fine delle registrazioni scelgono la voce femminile della corista Clare Torry che registra improvvisando due take che entrano nella storia. Per David Gilmour, l’essenza del brano è tutta nella fusione del suono della sua chitarra con la struttura musicale e gli accordi di Richard Wright: “C’è qualcosa di davvero unico nel modo in cui io e Rick suoniamo insieme. Non puoi insegnarlo a qualcuno e aspettarti che lo faccia nello stesso modo. La musica non funziona così, del resto”. The Great Gig n the Sky definisce l’intera storia musicale dei Pink Floyd, ma per David Gilmour è soprattutto la descrizione in musica di una profonda amicizia.  

Fonte : Virgin Radio