Clamoroso Chamizo a Baku: arriva la vittoria sul campo… ma non per gli arbitri

Frank Chamizo è tornato ai suoi livelli! Questa è la prima notizia che arriva dal Torneo Europeo di Qualificazione Olimpica andato in scena nel fine settimana a Baku, in Azerbaijan.

Frank Chamizo non è ancora qualificato per le Olimpiadi di Parigi 2024! Questa è la seconda notizia. A negargli la gioia è stato un challenge chiamato all’ultimo secondo dal team azero, convalidato dagli arbitri e che ha lasciato molti dubbi e amarezza a tutta la squadra azzurra.

Cosa è successo esattamente? La semifinale, che in questo torneo vale come una finalissima, contro l’atleta di casa Turan Bayramov è stata a dir poco al cardiopalma. L’azero è partito subito fortissimo e in un minuto ha messo Frank Chamizo sotto 6-0, ma l’azzurro ha piano piano rimontato, arrivando sul 6-6 e poi sull’8-8, dominando nettamente per 5 minuti pieni. Sullo scadere del tempo, a un secondo dalla fine, Frank è passato dietro all’avversario e lo ha messo in ginocchio, guadagnando il vantaggio valido per la vittoria. Chiamato il challenge, però, gli arbitri hanno tolto i due punti all’italiano assegnando dunque la qualificazione olimpica a Bayramov.

Oltre all’errore finale, tutto l’incontro è stato mal gestito, unidirezionalmente, dal pool arbitrale. Ci sono state azioni da 4 in cui sono stati dati soltanto 2 punti, ci sono state fughe dell’azero non punite, o punite in ritardo. L’azero, andato sul 6-0 dopo un minuto ha smesso di lottare e si allontanava continuamente dal contatto. Nonostante ciò, Frank è riuscito a inanellare tutti i punti necessari alla vittoria e dunque alla qualificazione. Eppure, non è bastato.

“Il presupposto, riguardo l’incontro di Frank, è che l’errore arbitrale fa parte dei contesti sportivi. Qui però c’è qualcosa in più: tutto l’incontro ha avuto una cattiva interpretazione e gestione dall’inizio alla fine. È stato purtroppo tutto influenzato dalle decisioni arbitrali e l’errore non è soltanto quello dell’ultimo challenge. Perciò riteniamo ingiustificabile quello che è successo, faremo ricorso e tutto quello che dobbiamo fare. La nazionale italiana, come ha detto il DTN, farà ricorso. E non tanto per quell’errore finale e decisivo, quanto per la gestione di tutto l’incontro che è apparsa davvero poco equilibrata”, – ha commentato il Direttore Tecnico Nazionale Salvatore Avanzato sul sito Fijlkam.

“Non è facile compromettere la mia integrità… Voglio chiedere scusa a chi sta guardando ciò… Che tristezza, il mio cuore piange… Il mio sport è bello. Mi dispiace”, ha dichiarato il campione della lotta libera italiana sui suoi canali social. Frank Chamizo, e qui riprendiamo la prima notizia, è tornato a lottare ai suoi livelli, ovvero ai massimi livelli della lotta internazionale. Dopo tre settimane passate in Giappone per recuperare la forma fisica e per prepararsi al meglio per questo torneo,

Chamizo ha effettivamente ottenuto i risultati che cercava. Avrebbe strameritato la qualificazione già a Baku, ma per fortuna le chances non sono ancora
finite. Dal 9 all’11 maggio, ad Istanbul, ci sarà la terza ed ultima occasione con il Torneo Mondiale di Qualificazione Olimpica, valido per gli ultimi 3 posti disponibili in ogni categoria di peso. E con questo Chamizo il pass per Parigi è davvero vicino. Ci si augura solamente che nessuno decida di mettersi contro di lui o che, perlomeno, gli errori arbitrali non siano così decisivi!

 

Fonte : Today