Google ha incassato 4,7 miliardi di dollari dalle notizie (e per gli editori c’è un problema)

Uno studio della News Media Alliance afferma che nel 2018 il colosso tecnologico ha riportato un giro d’affari record dalle ricerche di notizie e dal suo servizio Google News. Ora però gli editori chiedono che parte di quagli incassi possa arrivare anche a loro che sono i creatori di quei contenuti

(foto: Chesnot/Getty Images)

Le ricerche di notizie sul motore di ricerca e il servizio Google News avrebbero fruttato al colosso Google oltre 4,7 miliardi di dollari nel 2018. Lo riporta il New York Times, citando i dati di uno studio realizzato dalla News Media Alliance (Nma) che rappresenta quasi duemila quotidiani tra gli Stati Uniti e il Canada.

Secondo i dati, circa il 40% delle pagine visualizzate su Google sarebbe riferibile a contenuti riguardanti le news. Per questa ragione David Chavern, presidente e direttore esecutivo della News media alliance, ora solleva il problema della necessità di rivedere le condizioni degli accordi tra BigG e gli editori, che vorrebbero ottenere una maggiore fetta di quei guadagni, dato che sono i produttori effettivi di quei contenuti.

Inoltre, sempre da quanto riportato nello studio, l’introito derivante dalla pubblicità digitale per l’intero settore dell’informazione negli Stati Uniti è stato pari a 5,1 miliardi di dollari nel 2018, quindi poco più di quanto fatto da Google in autonomia. “Fanno i soldi con questo accordo e quindi c’è bisogno di avere un risultato migliore per coloro che pubblicano le notizie”, dice ancora Chavern.

L’intenzione dell’associazione è dunque quella di portare alla luce i termini di un problema che tocca il sistema editoriale un po’ in tutto il mondo nella relazione con colossi tecnologici, per definire una più equa suddivisione dei guadagni provenienti dalla fruizione e dalla diffusione di informazioni. Infatti il presidente della Nma si augura che lo studio possa portare all’approvazione del Journalism Competition and Preservation Act, che prevede un’esenzione dalle norme antitrust di quattro anni per gli editori di notizie che potrebbero quindi mettersi insieme per contrastare il potere dei giganti tecnologici come Google e Facebook.

Inoltre, l’azienda di Mountain View ha anche l’ulteriore vantaggio di poter acquisire e sfruttare i dati degli utenti per personalizzare al meglio l’offerta di notizie, cosa che altre testate non possono fare.

Del resto non è la prima volta che Google si trova al centro di una simile polemica con gli editori. L’anno scorso, infatti, l’Unione europea aveva proposto l’applicazione di una link tax finalizzata a far pagare a Google una percentuale per ogni visualizzazione degli articoli legati alle pagine aggregate da Google News. Per tutta risposta il gigante aveva minacciato di chiudere il servizio.